Internet colma il vuoto tra politica e cittadino

gad-lerner.jpeg «Internet come le sezioni di partito, colma il vuoto tra politica e cittadini». Ad affermarlo è Gad Lerner sceglie la rete per parlare alla gente e ai suoi lettori. Giornalista della carta stampata e della televisione, Lerner ha compiuto il passo verso Internet. Arriva dopo Veltroni, esordio fortunato, Enrico Letta, che ha scelto la rete per lanciare la sua candidatura, e il comandante del Titanic Romano Prodi, che dalla rete è uscito quasi subito, e da altri politici professionisti (Bassolino e Mastella). Lerner, candidato per le primarie del Partito Democratico con Rosy Bindi, spiega come la sua strategia politica in internet: un progetto di marketing politico per il dialogo con gli elettori – come quello pensato a suo tempo per Prodi e mai fatto proprio dallo stesso – il found racing, l’informazione costante e l’intervento nella battaglia politica day by day, compreso il monitoraggio dell’elettorato con sistemi di sondaggio collegati a internet. Questa volta Lerner gioca in propria e parte dal blog. “I partiti – spiega il giornalista al Sole 24 Ore – contano sempre meno iscritti e gli iscritti dentro i partiti non contano assolutamente nulla, i deliberati congressuali vengono sistematicamente superati, stravolti da gruppi dirigenti che si autoperpetrano in uno stile che accentua sempre più le caratteristiche di oligarchia. Sono convinto che questa piaga non riguardi solo i piccoli partiti o il partito azienda, ma anche Ds e Margherita, gli stessi fondatori del Pd”. Secondo Lerner, Internet, soprattutto per i candidati senza apparati di partito alle spalle, può sostituire il lavoro di proselitismo che un tempo passava attraverso le sezioni di partito. Il mezzo quindi serve – sempre secondo Lerner – a ripristinare canali di cittadinanza attiva e restituire ai cittadini l’idea che il loro parere conta sul futuro della collettività e che la democrazia non è solo andare a votare una volta ogni quattro-cinque anni. Una scommessa disperata, come ammette lo stesso Lerner – ma che indica un nuovo ruolo della rete, oltre il blog, ovvero internet come strumento di consultazione. La sfida di Lerner è ambiziosa ma passa necessariamente attraverso la conoscenza e l’utilizzo degli strumenti che internet offre per raggiungere il cittadino e permettere ad un’idea di espandersi dentro la rete. Pena la deriva nell’oceano web.

2 commenti

Archiviato in Attualità, Centrosinistra, Giornalismo, Media, Politica, Prodi, Tecnologia, Televisione, Web

2 risposte a “Internet colma il vuoto tra politica e cittadino

  1. alessandro

    A mio parere Lerner non va affatto controcorrente nel criticare Grillo. Parla così perché non ha argomentazioni che per carisma e spessore eguaglino quelle(pur a tratti criticabili) di Grillo. E così lo critica.

  2. Pingback: Dellai nel vivaio della politica « Carta Straccia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...