La ricerca vale il 5 per mille

Gianluca Salvatori Gianluca Salvatori, assessore alla ricerca e innovazione in Trentino, è un politico atipico. Non è un politico se si considera che non è stato eletto ma chiamato dal governatore Lorenzo Dellai a dare una prospettiva ad un settore strategico per la regione alpina piccola, ricca e ambiziosa. Lui, con un passato di ricercatore e un presente da politico (non amministratore, si badi bene). E politico, Gianluca lo è nei fatti,  nel senso che in quattro anni ha messo in piedi una riforma sulla ricerca e ha annodato i fili di un Trentino aperto al mondo (e non chiuso in se stesso) e innovatore. Non stupisce, quindi, se oggi Salvatori, sull’home page del Sole 24 Ore, rilancia la proposta del 5 per mille “stabile e senza limiti” a favore della ricerca. “Investire in ricerca significa credere nel futuro del Paese – spiega il ricercatore prestato alla politica -. Si può girare la questione in molti modi ma la sostanza di fondo è questa. Una società con un’idea di sviluppo in cui è determinante il ruolo della conoscenza non può fare a meno di strutture di ricerca qualificate e di ricercatori profondamente motivati. E queste strutture e questi ricercatori non possono fare a meno del sostegno del Paese, inteso non solo come istituzioni pubbliche ma anche come singoli cittadini. Per questo l’introduzione nel 2006 del 5 per mille Irpef, destinato alla ricerca e al volontariato, è stata una buona idea. Quasi due italiani su tre hanno subito aderito, con uno slancio inaspettato. Il 5 per mille non è destinato a cambiare le sorti della ricerca italiana. Tuttavia esprime una volontà chiara dei cittadini nei confronti di un settore che gode altrimenti di un’attenzione solo intermittente (per usare un eufemismo)…”.
Destinare il 5 per mille al futuro del paese è non solo una buona idea ma un obbligo per quanti credono che nella ricerca come fattore di sviluppo di una nazione, di un territorio. La ricerca non è un’isola felice, a sé stante, ma deve entrare a far parte nell’agenda politica e nei piani economici del paese. L’Italia ha bisogno di politici anomali. ∞

Gianluca Salvatori firma un blog su Nova100.  

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, blog, Economia, Politica, Scienza, Tecnologia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...