Caso Forleo, abbiamo capito male…

Il gip Clementina Forleo Alla fine, a capire male o a fraintendere la parole del gip di Milano, Clementina Forleo, siamo stati noi o gli spettatori della trasmissione “Annozero” di Michele Santora. Ascoltata oggi dai colleghi della Cassazione, per valutare l’eventuale iniziativa disciplinare, il giudice milanese ha chiarito in lacrime (almeno così riportano i siti di informazione): “No, non ho mai detto di avere paura delle istituzioni”. Bene. Anzi, male. Bene, perché così la stessa giudice fuga ogni ombra su eventuali e gravissime interferenze da parte di uomini dello Stato sulle sue indagini e, in particolare, sull’inchiesta Antonveneta e le scalate bancarie tentate dai “furbetti del quartierino”, al secolo Stefano Ricucci, il “Gianpy” Gianpiero Fiorani, Giovanni Consorte, Danilo Coppola e Giuseppe Statuto. Male, anzi malissimo, perché la stessa Forleo avrebbe ribadito le accuse di omissione rivolte ai carabinieri. L’Arma avrebbe ritardato le indagini sulle telefonate mute ricevute dai suoi genitori prima che morissero in un incidente stradale. Ancora la gip di Milano ha ricordato quanto avrebbero detto al presidente emerito della Cassazione, Ferdinando Imposimato, già magistrato a Milano e l’amico a cui il gip ha lasciato in custodia una lettera testamento con i particolari della denuncia: “Vogliono farla passare per pazza e farla indagare dal procuratore generale della Cassazione”. Per il momento non è stata inziata alcuna azione disciplinare nei confronti della Forleo. “Si vedrà” ha risposto il procuratore generale della Cassazione Mario Delli Priscoli, titolare dell’iniziativa disciplinare nei confronti dei magistrati, a chi gli chiedeva notizie su un eventuale procedimento a carico del gip diMilano.  In ogni caso c’è qualcosa che non torna: durante la trasmissione di Santoro Annozero, la Forleo non si appellò a giri di parole e accusò chiaramente: “Sono stata vittima di tentativi di delegittimazione e discredito da parte di soggetti istituzionali, che non appartengono al mio ufficio, e anche da appartenenti alle forze dell’ordine. Ho pure avuto la fortuna di scoprire chi manovrava queste persone, ho fatto regolare denuncia”. I casi sono due: qualcuno ha la memoria corta o un tendenzioso tubo catodico ha distorto un’affermazione netta. A voi il giudizio, con la speranza che questa vicenda si chiuda prima possibile con buona pace di Falcone e Borsellino. ∞

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Banche, Cronaca, Economia, Giornalismo, Politica, Televisione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...