Mutui casa 2007/2008, è record dei tassi

Lo sportello di una banca     E’ record per i tassi sui mutui concessi alle famiglie per l’acquisto della prima casa. Il costo del denaro continua a saliere e ad ottobre – secondo l’Abi – il tasso medio è del 5,71%, il più alto degli ultimi cinque anni. L’ascesa del costo dei mutui casa è tutta nei numeri: a settembre il tasso era del 5,63%, ottobre 2006 del 4,74%, per arrivare al minimo storico del luglio 2003 con il 3,58%.

Il problema è molto più serio di quel che si vuole fare vedere. Migliaia di famiglie rischiamo di vedere erosi i risparmi degli ultimi anni o il potere di acquisto di un salario già penalizzato in questi anni da finanziarie di vario colore politico e dall’aumento dei prezzi dei beni di consumo.

In Italia, nessuno al momento sembra in grado di poter (o volere) risolvere il problema. L’Abi (Associazione bancaria italiana, ovvero l’organismo che riunisce tutte le banche italiane) ha affrontato oggi, nel consiglio direttivo, la questione del costo dei mutui. L’esito dello sforzo è quasi umiliante per il cliente (ieri, oggi debitore) perché si limita a “raccomandare”, nel caso di portabilità e rinegoziazione dei mutui – ovvero il trasferimento del mutuo da una banca all’altra o l’accordo con il cliente a sottoscrivere un altro mutuo -, ai propri associati che gli eventuali costi o penali siano assunti dalla banca subentrante. Il messaggio che arriva dall’Abi non è proprio limpido e definitivo: una «raccomandazione» generica a non gravare i consumatori dei costi e non una linea di condotta chiara.

    Le reazioni sono diverse. Se il Movimento Difesa del Cittadino canta vittoria per aver portato a casa il costo zero per la portabilità dei mutui», il Codacons esprime le proprie perplessità e teme che si tratti di un tentativo di frenare l’emendamento varato pochi giorni fa dalla Commissione Finanze della Camera, che impone l’assoluta gratuità del trasferimento dei mutui. Il presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà ha detto che «le banche non hanno bisogno di tante raccomandazioni. Qualsiasi soluzione per la portabilità può andar bene purché non si impongano costi diretti o indiretti ai clienti». Insomma, spiccioli. Il problema rimane insoluto: le banche macinano utili record e i risparmiatori faticano a pagare le rate del mutuo. E per il futur, le previsioni sono davvero negative. ∞

Lascia un commento

Archiviato in Cronaca, Economia, Finanziaria, Mutui, Politica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...