Corporazioni, taxisti bloccano Roma

I taxi si sono fermati ieri a Roma Una città bloccata, migliaia di persone a piedi. A Roma va in scena l’ennesima protesta dei taxi che per ore parcheggiano i propri mezzi a piazza Venezia e rovesciato i bidoni della spazzatura. A scatenare la protesta, la proposta del sindaco Veltroni di aumentare il numero delle licenze, 500 in più, e le tariffe del 28%. La categoria abbandona la trattativa e il centro della capitale rimane bloccato per ore. Il prefetto annuncia possibili sanzioni per il mancato annuncio dello sciopero. Ci aveva provato il ministro Bersani a liberalizzare le licenze dei tassisti. Invano. L’Italia è il paese in Europa dove i taxi costano di più, dove il servizio è riservato a pochi e i taxi, quando servono, non ci sono. Vogliamo continuare di questo passo? Vogliamo continuare a difendere gli interessi delle corporazioni? Intanto, domani si fermano tutti i mezzi pubblici urbani ed extraurbani per protesta contro i tagli della Finanziaria. ∞

Annunci

6 commenti

Archiviato in Cronaca, Governo, Politica

6 risposte a “Corporazioni, taxisti bloccano Roma

  1. aldo

    Io la chiamerei in un altro modo: Casta.
    Da abbattere come tutte le altre, se vogliamo diventare un paese moderno.

  2. Daniele

    Ma che sorpresa !

    La Camera di Commercio di Milano ha pubblicato uno studio sui costi di un giorno di turismo congressuale nelle principali città europee, dal quale risulta che tra le meno care c’è Milano. I dati, provenienti dall’ Economist Intelligence Unit, stimano che il capoluogo lombardo preceda di poco Copenaghen ed Amsterdam nella speciale classifica riguardante il costo giornaliero di un viaggio d’affari.
    La città più cara è Francoforte con un costo di € 749.10, mentre Milano è al 14° posto con solo € 415.75.
    L’indice complessivo è stato calcolato considerando sei categorie:

    – una notte in albergo comprensivo di prima colazione;
    – una cena di lavoro per due persone;
    – un pranzo per una;
    – due viaggi di 5 km in taxi;
    – l’acquisto di un quotidiano straniero;
    – un drink nel bar dell’albergo.

    Proprio la voce riguardante il costo dei taxi potrebbe sorprendere qualcuno: a fronte di una spesa complessiva di € 40.50 le autopubbliche di Milano si piazzano al 13° posto in Europa.

    Ma come? Secondo il conformismo dilagante non eravamo i più cari del mondo ???

    (per questa notizia vedi anche Il Sole 24 ore del 1 ottobre 2007)

    Quando i giornalisti la finiranno di raccontare bugie ???????

    e quando la gente comune imparerà a non farsi abbindolare dalla stampa ??????

  3. Lasciamo cadere gli insulti di Daniele. Io mi limito a ricordare l’esperienza diretta: il servizio taxi è migliore e costa meno di quello italiano, ad esempio, in Spagna, Inghilterra e Germania. Tanto per fare qualche esempio, senza andare Oltreoceano. Oggi mi trovo a Milano e i taxi (carissimi) circolano. La scorsa settimana pioveva e a Milano, così come Roma, era impossibile trovare un taxi. Sono bugie? Non credo. Così come mi è capitato che un taxista rifiutasse la corsa (quel giorno pioveva…) perché il tragitto era troppo corto. Ancora bugie? No. Perché non accettate la liberalizzazione delle licenze? Vogliamo parlare del mercato delle licenze dei taxi a Milano, caro Daniele? Sono ancora queste balle da giornalista? Non credo, così come non credo alla Sua demagogia.

  4. Andrea

    Tanto per commentare la tua esperienza diretta, ma se veramente ti sono capitate queste disavventure, perchè non hai denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine? Se poi fosse vero, non credi che liberalizzando ci sarebbero più tassisti imbroglioni in giro, dovuto anche al calo del ricavato giornaliero?
    Ma invece di lamentarvi sempre perchè non vi svegliate un po’ e cercate di far rispettare i vostri diritti con i mezzi che tutti noi abbiamo a disposizione? Volete far funzionare un servizio che vi interessa, allora cominciate a conoscerlo, denunciate i fatti che reputate indegni e convincete gli altri utenti a fare la stessa cosa. Vedrai che le cose forse comincerebbero a migliorare!

  5. Caro Andrea, credo di vivere in un paese civile dove la chiamata alle forze dell’ordine sia l’ultima opzione. Potrei chiederti, perché voi taxisti non denunciate gli abusivi che a Roma, Milano e in decine di altre città avvicinano i clienti. In ogni caso, parlando dei diritti che tu citi, credo che venga innanzitutto il diritto di avere, in automatico e senza “svegliarsi”, un servizio che funzioni e con costi accettabili. La denuncia penale non serve a cambiare una cultura o un modo di pensare: liberalizzare il mercato è una scelta di civiltà che va a vantaggio di tutti. E non di pochi.

  6. Sono daccordo con pierfedrizzi, il servizio taxi è migliore e costa meno di quello italiano, ad esempio, in Spagna..ho visto un servizio in tv non molto tempo fa, dove una signora anziana e disabile poteva con una spesa non onerosa girare tutta la città!!!..io che sono in carrozzina, mi devo servire di mezzi privati! che pago! perchè i mezzi pubblici hanno si le pedane, ma gli autisti non sanno nemmeno farle funzionare, inoltre arrivare al mezzo pubblico è quasi sempre un’impresa, poichè i marciapiedi , a meno che non si abiti in centro a Milano, sono fatti da schifo….e ho dovuto rinunciare ad u lavoro,proprio per questo motivo…questa storia delle liberalizzazioni sarà il prossimo argomento che tratteremo quando andrò agli incontri sui diritti umani e sulla vita indipendente, perchè è davvero una vergogna,anche per altri motivi:non c’è un taxi adibito con pedana….certo ho sempre trovato persone disponibili per fare il passaggio, ma quando non si riesce ad avvicinarsi alla carrozzeria,mi hanno presa in braccio, e sebbene è un aiuto, e ringrazio, ma non sempre si ha voglia di essere presi in braccio da chiunque!…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...