Bergamini, sospesa dalla Rai, riparte dalle “intercettazioni”

Deborah Bergamini, sospesa dalla RaiLe intercettazioni telefoniche segnano la carriera professionale di Deborah Bergamini dentro la Rai ma, al contempo, aprono a lei una nuova – ma non inedita – carriera di blogger. La televisione di Stato ha sospeso Bergamini dalle funzioni di giornalista e direttore della sezione marketing, dopo la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche da cui risulterebbe che lei – con altri dirigenti Rai, Bruno Vespa, Carlo Rossella, Fabrizio Del Noce, Clemente Mimun – avrebbero preso accordi con Mediaset su programmazione e contenuti di telegiornali e programmi. La comunicazione è arrivata alla Bergamini via posta. “Nei confronti della dottoressa Deborah Bergamini non è stato preso alcun provvedimento disciplinare – sottolinea la Rai -. L’azienda ha deciso di dispensare temporaneamente la dottoressa Bergamini dal rendere prestazione lavorativa fino alla conclusione del procedimento istruttorio in corso”. Una formula bizantina che sembra lenire la sostanza.
E proprio oggi l’ex Bergamini ha aperto il suo blog (www.deborahbergamini.it) che sottotitola “intercettazioni di conoscenza”, a chiarire subito il “taglio” del diario online. Tra i primi a contribuire al blog ci sono Bruno Vespa, in video (poteva essere altrimenti? Ndr.) ripreso da La7, durante la trasmissione Tetris, e dal titolo eloquente: “Le intercettazioni? Sono una schifezza, vi auguro di capirci”. Dopo di lui c’è Maria Giovanna Maglie, ex Tg2, che difende Bergamini e riprende l’articolo del Giornale
La carriera di blogger, Bergamini l’aveva già intrapresa da tempo, con il nickname Cartimandua, regina dei Celti. E proprio Bergamini ricorda la sua First Life in un post: “Cartimandua, Regina dei Celti non c’è più. Era un personaggio di fiaba, abitava un territorio libero, immaginario. Quello in cui ogni tanto mi piaceva fare qualche incursione di poesia e gioco. Ma gli accadimenti degli ultimi giorni, le intercettazioni pubblicate su Repubblica e su altri giornali e la bufera che ne è seguita, non mi consentono più di rifugiarmi in un mondo di sogno, per quanto poetico…”. Ed è da qui che per Bergamini incomincia la sua Second Life. ∞

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Cronaca, Giornalismo, Media, Rai, Televisione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...