Ricerca medica e l’oscurantismo cattolico

In Italia la ricerca medica è ancora ostaggio della Chiesa cattolica La difesa dell’associazione nazionale dei medici chirurghi e degli odontoiatri dell’aborto, pillola del giorno dopo, diagnosi pre-impianto nella fecondazione assistita e assistenza ai neonati estremamente prematuri (questo il documento della Fnomceo) fa infuriare Avvenire, il quotidiano della Cei che lo definisce addirittura un falso e fantomatico.  Oggi il papa Benedetto XVI torna a parlare di “salvaguardia e rispetto” della vita.

La reazione dei medici alle posizioni del quotidiano cattolico è molto dura: “L’accusa di falso è offensiva: non scherziamo su queste cose”, ribatte il presidente dell’ordine dei medici di Firenze Antonio Panti.

 Nel servizio del giornale della Cei si parla di “strane manovre” che avrebbero fatto sì che alle agenzie di stampa fosse stato inviato “un fantomatico documento” mentre invece, secondo le parole riportate dal quotidiano dei vescovi di Valerio Brucoli, componente del comitato sulla deontologia della Fnomceo, “Nel consiglio nazionale sono state lette 14 relazioni dei gruppi di lavoro, ma non sono state nè votate nè approvate. In particolare quella relativa ai temi etici (e che ora viene presentata come la posizione della Fnomceo) è solo una delle posizioni espresse al comitato etico, quindi un’opinione personale”.

Indignata la replica del presidente dell’Ordine dei Medici fiorentino, Panti: “Faccio parte del comitato ristretto che ha redatto il documento. Un gruppo dove ci sono anche esponenti di varie filosofie”, ha riferito Panti. Il dibattito è stato intenso nel comitato ristretto e il documento scaturito “è stato distribuito in cartella già venerdì mattina e illustrato, insieme ad altri documenti presenti in cartella, ai presidenti degli ordini. Non è stato cambiato nessun testo. E’ stato approvato tal quale”.

L’intransigenza della Chiesa, anche di fronte alle evidenze della scienza, mi ricorda la vicenda di uno dei geni italiani che rischiò la vita per aver affermato che è la terra a girare attorno al sole e non viceversa, come invece sosteneva ai quei tempi la Chiesa. E l’Italia continua a pagare, soprattutto nel campo della ricerca medica, la chiusura e l’oscurantismo cattolico, mentre nel resto degli Stai moderni la scienza è libera di camminare senza lacciuoli confessionali. E’ questa forza che l’Italia ancora non conosce, demerito di una politica spalmata sui diktat dello Stato del Vaticano, desiderosa sola di incassare il voto cattolico.

Da uomo e da laico rivendico il diritto di scegliere come e quando morire di fronte ad un male incurabile, sostengo la ricerca medica che mi offre una prospettiva sul futuro dei miei figli o quello dei miei nipoti. Ma la Vaticano questo non piace e in nome della sua verità impone delle regole confessionali. Che tristezza. ∞

8 commenti

Archiviato in Attualità, Politica, religione, Salute, Sanità, Scienza, Vaticano

8 risposte a “Ricerca medica e l’oscurantismo cattolico

  1. Andrea

    Non vorrei far crollare un mito che tanto piace al neopositivismodi moda oggigiorno, ma Galileo Galilei con la teoria eliocentrica ha “toppato clamorosamente” per usare un termine colorito, in quanto la dimostrazione che ne ha dato, collegata alle maree, era evidentemente falsa e la condanna gli è giunta a seguito di un invito a non insegnare pubblicamente le sue teorie finché non fossero adeguatamente dimostrate.Rrispedito al mittente l’invito, il buon Galileo invece di concentrarsi sulla parte scientifica della teoria, ha preferito darsi alla satira, provocando le ire di qualche permaloso che poi ha spinto per una condnna.
    Nessuno ha MAI condannato galileo per i suoi VERI contributi alla scienza, quali le osservazioni con il telescopio (guardate con diffidenza ma non condannate) né tantomeno la meccanica galileiana che peraltro era non solo in contrasto con le tesi aristoteliche tanto quanto la teoria eliocentrica, ma più rivoluzionaria di in quanto di applicazione quotidiana.

  2. Prendo per buona la ricostruzione della teoria eliocentrica, ma – se non erro – la chiesa oppose a Galilei la ricostruzione offerta della Bibbia sul sistema solare… Sbaglio?

    ps. Non sono neopositivista ne uno che va di moda oggigiorno. Sono semplicemente un laico stanco di vedere uno Stato laico ostaggio dell’ortodossia cattolica

  3. Basterebbe informarsi un po’ meglio prima di scrivere…
    La Chiesa non oppose a Galileo un bel niente sulla ricostruzione della teoria eliocentrica, che era di Copernico (un prete cattolico polacco) e che era già stata ampiamente accettata tra i Gesuiti (che all’epoca facevano studi avanzatissimi di matematica e soprattutto di astronomia).
    I primi oppositori di Galileo furono i suoi colleghi professori, i quali si rifiutarono di guardare nel cannocchiale (non furono i preti, come la maggior parte dei libri di storia filo-marxisti riporta) ed i quali continuavano a sostenere la teoria aristotelica geocentrica e la teoria delle “due fisiche”, cioè che ci fossero due fisiche differenti: una corruttibile terrena ed una cristallina celeste.
    Ovvio che questo non ha nulla di teologico. Anzi alla Chiesa paradossalmente faceva comodo la teoria eliocentrica (da certi punti di vista, c’era anche chi ci vedeva il pericolo di risvolti pagani tipo culto del dio sole, ecc.) perché smascherava l’infondatezza delle teorie aristoteliche, che nel ‘500 tornavano di moda insieme a quelle platoniche portate avanti dai seguaci del paganesimo neo-classico.
    Fu proprio Galileo a tirare in ballo la teologia (il passo famoso del sole fermato) per rispondere ai suoi colleghi che obiettavano come la sua teoria non avesse nulla di dimostrabile scientificamente (opposizione all’epoca vera) e fu proprio a questo punto che la Chiesa lo richiamò, perché giudicò le opinioni teologiche di Galileo non del tutto canoniche.
    Opinioni teologiche affibbiate ad una teoria scientifica appunto, questo era quello che Galileo dovette abiurare, insieme al famoso libro dei Dialoghi in cui dava al Papa dell’idiota (atto di ripicca del fisico nei confronti della gerarchia ecclesiale, Galileo era un tipino poco incline alle critiche, come dimostra il suo modo di rispondere al tribunale).
    Ciò di cui la Chiesa lo accusò, inoltre, fu di dare per certe teorie che all’epoca non potevano essere verificate. E questo era vero. Fu proprio in questo caso che Galileo tirò fuori la fregnaccia sulle maree che riporta Andrea, e che i Gesuiti da abili fisici smascherarono subito.

    Finito questo debito preambolo, vorrei solo lanciarti una provocazione: dici che l’ortodossia cattolica tiene in ostaggio la ricerca scientifica, ma se non ci fossero limiti alla ricerca ed alla scienza non sarebbe solo sostituire la Chiesa (nel modo in cui nel post la descrivi tu) con i ricercatori e Dio con la scienza?
    Non sarebbe un atto di fede anche questo?
    Non sarebbe un affidarsi totale ad una cosa, come la scienza, che essendo in continua evoluzione potrebbe anche sbagliare? Questo non sarebbe un atto irrazionale tanto quanto tu accusi la Verità del vaticano di essere irrazionale?

    Concludo facendoti notare un semplice altro particolare. Se proprio vuoi che la verità trionfi sull’irrazionalità, comincia col linkare il vero discorso del Papa e non quello “mediato” da Repubblica. Le vere fonti ci sono, perché non leggerle?
    E’ per questo che, a volte, sono sicuro che chi accusa il Papa e la Chiesa di oscurantismo in realtà non abbia mai letto nemmeno una riga dei veri discorsi del Papa o dei documenti della Chiesa.

    Ciao,
    Subbaqquo.

  4. Ci passi i link? Grazie. Quanto alla scienza e, particolare alla ricerca medica, rimango sulle mie posizioni: libera scienza, in libero Stato (laico). Quanto alla scienza ritengo che abbia tutti gli strumenti e le regole per un autocontrollo.

  5. Se intendi i link ai discorsi del Papa e ai documenti della Chiesa sul sito del vaticano (www.vatican.va) trovi tutto quello che vuoi per approfondire.
    Se intendi i link sugli argomenti di storia riferiti a Galileo sulla rete non c’è granché, mi viene in mente storialibera.it, ma è un sito apertamente “schierato” e potrebbe sembrarti poco oggettivo. La cosa migliore sarebbe comprarti un libro sulla vita di Galileo. Considera che il mio è stato un veloce riassunto, è giusto approfondire meglio, io stesso avendo letto queste cose molto tempo fa non oso addentrarmi di più nello specifico.

    Scrivendo solo che rimani della tua opinione, non rispondendo a nessuna domanda, confermi la mia ipotesi fideistica.
    E se la scienza arrivasse a minacciare lo Stato? Chi sarebbe il più libero tra i due?

  6. La scienza non minaccio lo Stato, non è mai stato così e non lo sarà mai: ogni Stato ha gli strumenti per difendersi da ingerenze esterne. La Chiesa, semmai, è molto più invasiva, soprattutto in Italia.
    Quanto alle domande ho risposto a meno che tu pretenda una risposta sugli “atti di fede” della scienza. Suvvia..
    Amici cattolici e credenti non ho letto una riga sulla ricerca medica… ma solo conferme sulla vostra ipotesi fideistica. Non è un bel modo di chiudere l’argomento. In altri Stati moderni la situazione è molto diversa rispetto all’Italia. E non sono solo ipotesi.

  7. Ti sbagli, così come lo è la mia in Dio, così la tua è fede:

    “non è mai stato così e non lo sarà mai”
    “ogni Stato ha gli strumenti per difendersi da ingerenze esterne”

    e la tua fede è molto più infondata della mia, tra l’altro. Ti faccio solo notare una frase del tuo post:

    “rivendico il diritto di scegliere come e quando morire”

    hai forse rivendicato il diritto di nascere ai tuoi genitori? Non pensare: “Cosa c’entra?”, pensa al perché non è possibile farlo.

    Tu parti a priori dalla convinzione che la Chiesa sta sbagliando, io ti invito a leggere per lo meno il compendio della dottrina sociale della Chiesa (sempre sul sito del vaticano) dove potrai leggere sulla scienza medica tutte le righe che vuoi, ed ogni riga sarà ben giustificata.
    La scienza non può autoregolamentarsi perché essa è in evoluzione, non parte da nessun principio primo che la dirige, essa è semplicemente metodo scientifico. E il metodo scientifico ha bisogno di prove, quindi errori, in caso la teoria da dimostrare con la prova risulti sbagliata. La scienza deve sbagliare prima di sapere che ciò che dice è errato, ecco perché non può autoregolamentarsi. Non potrebbe dare a se stessa che leggi basate sulle scoperte e conoscenze attuali, che sono una minima parte di tutto lo scopribile e scibile.

    Gli atti di fede nella scienza ci sono eccome, altrimenti non esisterebbero geometria, matematica e fisica, che della scienza sono la base.
    Ma io non volevo scomodare questi, io volevo scomodare l’atto di fede di chi vede la scienza come autonoma e desidera che sia libera da regolamentazioni esterne. La scienza deve essere utile all’uomo, non a se stessa. E le regole gliele deve dare l’uomo, cioè la società, cioè lo Stato, non se stessa.

    Vorrei, poi, sapere in che modo la Chiesa “ingerisce”, obbliga qualcuno ad ascoltarla o dice semplicemente la sua? Non dovrebbe avere il diritto di parlare, forse, la Chiesa, come parlano tutti in una democrazia?
    Se per ingerenza intendi il l’ascendenza sui politici, sai meglio di me (ho letto anche altri post) che la maggior parte dei politici sfoggia un’accondiscendenza verso la Chiesa solo utilitaristica, una questione di convenienza, cioè l’unico modo in cui, ahimé, la nostra classe politica ragiona. La colpa di questo non è della Chiesa, ma dei politici che perseverano in tale pratica.

    Io non ho chiuso nessun argomento, infine, le mie sono domande, mentre le tue posizioni rimangono tali. Qui la questione è inversa.

  8. elsa

    non confondete l’atteggiamento che la chiesa ha mostrato nei confronti della scienza in passato con quello di oggi, la ricerca deve essere regolamentata e rispondere a un etica, non si puo sacrificare esseri umani vivi ancora embrioni senza alcun ritegno solo per la soddisfazione di pochi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...