Archivi tag: mp3

TorrentSpy, risarcimento da 111 milioni di dollari

111 milioni di dollari. A tanto ammonta il risarcimento inflitta dal giudice della corte federale di Los Angeles, Florence-Marie Cooper, ai gestori di TorrentSpy, motore di ricerca di file torrent, nei confronti della Motion Picture Association of America (MPAA). La causa legale si è conclusa nel peggiore dei modi e TorrentSpy è stato riconosciuto colpevole di aver violato il copyright.

Soddisfatto del verdetto Dan Glickman, CEO dell’MPAA: “Il sostanzioso rimborso economico manda un forte messaggio circa l’illegalità di questi siti. La scomparsa di TorrentSpy è una chiara vittoria per gli studios e dimostra che questo genere di siti non sono autorizzati a continuare ad operare senza avere a che fare con i detentori dei rispettivi copyright“.

Nello stabilire l’ammontare del risarcimento, il giudice ha deciso di applicare il massimo della pena previsto dal Copyright Act: per ognuna delle 3699 infrazioni di copyright provate nel corso della causa, le major di Hollywood hanno ottenuto un risarcimento di 30.000 dollari, per un totale di circa 111 milioni di dollari.

TorrentSpy aveva tentato di alleggerire la propria posizione, decidendo di chiudere preventivamente il portale Web lo scorso 24 marzo,: tentativo finito male, a giudicare dalla sentenza.

TorrentSpy ha infatti annunciato che potrebbe decidere di impugnare la sentenza del giudice e portare il caso davanti alla Corte d’Appello. Se non altro perché dove li trova tutti quei soldi?

In ogni caso ci sono alcune cose che non mi convincono.

1. Quale risarcimento dovrebbero pagare gli editori o i loro dipendenti quando “scaricano” (uso un termine soft) contenuti ed altro da blog & affini? Ma questo non disturba il business…
2. Non è che la gente scarica musica e video perché le major vendono a prezzo troppo alti? E quanto ci guadagnano le major sul lavoro degli artisti?
3. iTunes a parte, le major poco hanno fatto per seguire l’evoluzione di internet e le abitudini degli utenti. ∞

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Carta Straccia Blog, Cronaca, Musica, Social Network, Tecnologia, Video, Web

Amazon vs. iTunes

Il logo Lonely Planet Dopo iTunes, anche Amazon vende musica, ma lo fa in modo diverso. Le canzoni in vendita su Amazon sono senza drm, a costo contenuto, e scaricabili su tutti (o quasi) lettore mp3. Il portale della vendita di musica e altro on-line supera sulla destra Apple, perché recepisce le ragioni di chi, da tempo, chiede che la musica (così come i film) sia pienamente fruibile dagli utenti (almeno quelli che acquistano). Amazon accetta la sfida culturale dell’innovazione – che a Steve Jobs sembra non piacere molto, così come tutto ciò che a lui non garantisce gloria e ricchezza – e complica la vita ai sostenitori dei sistemi di lock-in tecnologico, grazie ai quali le multinazionale del divertimento tentato di mettere una catena al collo degli utenti. ∞

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, iTunes, Media, Mondo, Musica, Tecnologia, Web