Archivi tag: Scomparsa

Addio Danny Federici, ci mancherai

The Phantom is gone. Good bye, dear Danny.

La E Street Band e il Boss piangono la scomparsa di Danny Federici. Il tastierista della band di Bruce Springsteen è morto giovedì sera al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York. Il musicista, 58 anni, era stato colpito da un melanoma tre anni fa, precisa il sito internet ufficiale di Springsteen che annuncia la morte dell’amico . In segno di lutto, il «Boss» ha annullato i concerti in programma nei prossimi giorni in Florida. Federici lo scorso anno aveva cominciato il Magic Tour con la E Street Band per i concerti negli States, ma poi non aveva partecipato al resto del tour in Europa e alla ripresa, nel marzo di quest’anno, dei concerti di Springsteen, sostituito da Charles Giordano. L’ultima apparizione con la E Street Band era stata a Indianapolis, alla Conseco Fieldhouse, il 20 marzo (nella foto), quando aveva fatto una breve ma appaluditissima apparizione. Federici era salito sul palco per eseguire con Springsteen e la band uno dei pezzi più rari nei concerti del Boss, ««4th Of July, Asbury Park (Sandy)», caratterizzata proprio dalla fisarmonica di Danny Federici.

Nato a Flemington, nel New Jersey, il 23 gennaio 1950, Daniel Paul «Danny» Federici, era soprannominato «The Phantom» ed era stato tra i fondatori della E Street Band. Assieme al sassofonista Clarence Clemons e al bassista Garry Tallent, Federici era il musicista della attuale E Street Band con maggiore anzianità di servizio accanto a Springsteen. Anzi, fu il primo, insieme a Vini Lopez (batterista della prima fase della carriera di Springsteen) a unirsi al Bruce nella sua avventura, con la band che si chiamava all’inizio Steel Mill, poi Dr. Zoom and the Sonic Boom e quindi diventata la E Street Band. Danny Federci aveva realizzato due album solisti ispirati a un genere soft jazz e collaborato a incisioni di artisti come Steve Van Zandt (chitarrista della E Street Band), Joan Armatrading, Graham Parker, Gary U.S. Bonds e Garland Jeffreys. Poche sentite parole del Boss sul sito web per l’addio: «Siamo amici da più di quarant’anni – ha commentato Springsteen – siamo cresciuti insieme… ed è stato un grande tastierista, uno dei pilastri del nostro sound. Gli ho voluto molto bene». Il Boss sul sito invita i fan a non inviare fiori ma, per chi vuole, a sostenere il Danny Federici Melanoma Fund.

Good bye, dear Danny. ∞

Annunci

7 commenti

Archiviato in Attualità, Carta Straccia Blog, Cronaca, Mondo, Musica, Video, Web, YouTube

Fratelli di Gravina, libero il padre

I genitori dei due fratelli di Gravina Lascia il carcere e va agli arresti domiciliari  Filippo Pappalardi, padre  di Ciccio e Tore, in carcere dal 27 novembre 2007 con l’accusa di aver ucciso i suoi due figli, trovati morti in una cisterna abbandonata a Gravina in Puglia venti mesi dopo la loro misteriosa scomparsa. Dopo il rinvio di ieri è questa la decisione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Bari Giulia Romanazzi che ha accettato l’istanza di scarcerazione presentata dalla difesa del genitore, in carcere dal 27 novembre 2007. Di fatto, dopo il ritrovamento dei due cadaveri, erano cadute molte delle ipotesi fatte dagli investigatori e a carico del padre non erano rimasti prove tali da sostenere l’accusa di omicidio e tenere il genitore in carcere.

Secondo il giudice non si è trattato di un omicidio nei confronti di Pappalardi: fu proprio il padre ad avvistare per l’ultima volta Ciccio e Tore la sera della loro scomparsa, ma “i bambini, verosimilmente, per sottrarsi alla consueta aggressività paterna e a una prevedibile consequenziale punizione, avrebbero istintivamente preferito la fuga”. Sempre il genitore avrebbe inseguito i figli a bordo della sua auto, ma li avrebbe “definitivamente persi di vista in zona via Ianora, cioè proprio lungo quella strada che insistentemente, ma tardivamente, il Pappalardi ha invocato, attribuendo l’avvistamento non a se stesso ma ad altre persone”. Il padre credeva che la fuga di Ciccio e Tore fosse “una temporanea ragazzata”, quindi “è plausibile” che l’uomo abbia cercato i figli “soprattutto nella zona vicina a via Ianora” in cui i ragazzini erano fuggiti dopo averlo visto.

Perché il genitore ha mentito agli investigatori? Il giudice risponde anche a questa domanda: “Non valeva la pena ‘per una bravata da ragazzini’ mettere a repentaglio la propria reputazione di ‘buon padre di famiglia’, e dunque rischiare la perdita dell’agognata potestà genitoriale in via esclusiva”. Per questo Filippo Pappalardi quella sera tardò nel dare l’allarme alla polizia dopo la scomparsa di Ciccio e Tore e successivamente fornì dichiarazioni false agli agenti. ∞

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Cronaca

Fratellini di Gravina, la verità dagli esami sui corpi

Il recupero dei corpi

La conferma è arrivata: i due corpi i scoperti casualmente dentro una cisterna di Gravina, a poca distanza dalla loro casa di Gravina, appartengono a Ciccio e Torre, i due fratellini scomparsi nel giugno 2006. I due bambini, Francesco e Salvatore, non sono morti subito dopo la caduta, ma hanno subito una lenta e atroce agonia. Sono morti di fame e freddo. I loro corpi sono mummificati («i resti, incartapecoriti, erano così leggeri che si potevano spostare con una sola mano» ha detto il questore di Bari, Vincenzo Maria Speranza.), sulle loro teste (ridotte a scheletri e ricoperte da muffe) non sono state trovate «grosse lesività evidenti». Impossibile al momento dire se i due ragazzini abbiano fratture agli arti inferiori (compatibili cioè con la caduta).

Saranno gli esami sui corpi a stabilire le cause della caduta nel pozzo (buttati o scivolati accidentalmente) e la presenza di percosse o segni di violenza. Per ora si ragiona sul filo delle ipotesi. Dalle analisi dipende il destino del padre, Filippo Pappalardi, arrestato lo scorso novembre per omicidio e occultamento di cadavere. Contro l’autotrasportatore di 41 anni non ci sono prove schiaccianti ma una serie di indizi: un telefonino lasciato spento mentre, la sera della scomparsa, dice di essere stato alla ricerca dei suoi figli; un baby-testimone che l’accusa di averlo visto portare via in auto i bambini; alcune frasi pronunciate in dialetto gravinese strettissimo, intercettate dalla polizia in casa e in auto, e interpretate come a carico dell’indagato.

Di certo non mancheranno le polemiche su come si sono svolte l’ìnchiesta e le ricerce. L’orrore suscitato dalla vicenda nasce anche dalla consapevolezza della “morte lenta” di Ciccio e Tore: i fratellini di Gravina – forse – avrebbero potuto essere salvati se fossero stati cercati nella cisterna. Ciccio e Tore, segnalati anche in Romania, erano in realtà in un pozzo a poca distanza dalla loro casa. ∞

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Criminalità, Cronaca

Fratellini di Gravina, i cadaveri trovati in un pozzo

Ciccio e Tore, i due fratellini di GravinaRiporto l’agenzia Ansa: “Il soccorso ad un ragazzino di 11 anni, caduto in un pozzo di una casa abbandonata a Gravina in Puglia, ha fatto scoprire in fondo al cunicolo, completamente privo d’acqua, resti umani, che hanno subito fatto pensare ai due fratellini scomparsi il 5 giugno 2005 da Gravina in Puglia, Salvatore e Francesco Pappalardi. ‘Sicuramente si tratta dei due ragazzini Ciccio e Tore, ha detto il questore di Bari Vincenzo Speranza, uscendo dalla casa padronale dove è stato compiuto un sopralluogo in una cisterna molto stretta di raccolta dell’acqua piovana. ‘Abbiamo troppi elementi che coincidono. Il Questore ha aggiunto che i bambini ‘potrebbero essere caduti come potrebbero essere stati buttati”. Nel novembre dell’anno scorso Filippo Pappalardi, autotrasportatore di Gravina e padre di due ragazzini scomparsi, era stata arrestato, perché accusato di essere l’omicida dei due figli e di averne occultato i cadaveri: avrebbe ucciso i figli in un impeto d’ira contrariato dalle loro disubbidienze. I due fratellini erano scomparsi due anni fa senza lasciare tracce e i loro corpi erano stati cercati ovunque ma senza esito, almeno fino ad oggi.

Si conclude con il più tragico dei finali la vicenda dei due fratellini, uccisi due volte: la prima da una mano ignota o da una sorte tremenda, la seconda dall’attenzione morbosa con cui la vicenda è stata seguita.

Riposate in pace, cari Ciccio e Tore. ∞

6 commenti

Archiviato in Attualità, Cronaca, Giornalismo, Media

La verità sui due fratelli di Gravina

Francesco e Salvatore “Con l’accusa di aver ucciso i suoi due figli e di aver abilmente nascosto i loro corpi, la polizia ha arrestato Filippo Pappalardi, l’autotrasportatore di 41 anni, padre di Francesco e Salvatore, i due ragazzini di 13 e 11 anni scomparsi da Gravina in Puglia (Bari) il 5 giugno 2006. Secondo una ricostruzione dei fatti resa nota dalla polizia, Pappalardi avrebbe ucciso i suoi due figli mentre li stava punendo per non avergli obbedito per l’ennesima volta. Mentre metteva in atto la punizione – secondo l’ipotesi investigativa – la situazione gli sarebbe sfuggita di mano: avrebbe ucciso i figli e si sarebbe quindi sbarazzato dei loro cadaveri. I due ragazzini erano stati affidati al padre una ventina di giorni prima della loro scomparsa”. (ANSA). Senza parole di fronte a tanto orrore. ∞

1 Commento

Archiviato in Criminalità, Cronaca