Archivi categoria: Google

iPad, le app dei giornali italiani sono nate vecchie

Repubblica e Corriere hanno dato grande risalto in questi giorni all’arrivo di iPad in Italia e, soprattutto, alle loro applicazioni per “leggere il giornale come mai l’avete letto prima”. E’ una bugia, probabilmente detta in buona fede ma rimane sempre una non verità. Le nuove funzionalità non ci sono, arriveranno. I giornali italiani sono già in ritardo.

Le applicazioni di Repubblica+ e Corriere per iPad sono già vecchie ed altro non sono che una riproduzione fotostatica o, se volete, un lettore pdf evoluto per leggere in maniera assolutamente tradizionale e cartacea l’edizione del giorno. Perché allora tanta enfasi? Semplice, perché quelle applicazioni sono a pagamento o richiedono un abbonamento per una lettura full del quotidiano in edicola. Quindi sono un business.

Fin qui nulla di male. Anzi, bene fanno Rep e Corsera ad affacciarsi al mercato digitale e all’online . Ma se Repubblica e Corriere vogliono entrare con applicazioni a pagamento, io – da utente – pretendo il meglio. Provate le applicazioni di Times, del Wall Street Journal (Wsj), Usa To Day o altri quotidiani, anche loro sono a pagamento ma la lettura è la navigazione dentro il quotidiano: esperienza diversa dalla riproduzione che offrono i giornali italiani.

Ai colleghi dei giornali consiglio di guardare ancora più avanti: Popular Scienze+ e The Elements. Questo è il nuovo modo di leggere o, meglio, di vivere un quotidiano o un contenuto online e digitale. Se accettate di entrare in Internet – almeno da un punto di vista tecnologico, di user experience, di grafica, di accessibilità e fruibilità dei contenuti – il quotdiano è oramai Carta Straccia.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Apple, Attualità, blog, Carta Straccia Blog, Giornalismo, Google, iTunes, Social Network, Tecnologia, Video, Web, YouTube

Ipad, il tablet cambierà la vita

Oggi è il grande giorno: l’Ipad arriva in Italia. Dopo mesi di rumors ed attese, ecco dunque che il tablet di Apple destinato a cambiare le nostre abitudini.

Io ho acquistato l’Ipad in Aprile durante un viaggio in California: ero scettico su Ipad ma mi sono ricreduto quando – appena arrivato all’aeroporto di Los Angeles – un ragazzino che lo usava. E poi negli store Apple, sempre i ragazzini che lo provavano.

Dopo due mesi di utilizzo provo a fare alcune considerazioni.

1. Ipad non è un computer ma un device/tablet destinato ad un utilizzo non professionale/lavorativo. Vi sembra banale? Invece è un punto di non ritorno. Mai rima d’ora un pc o un device direttamente arrivato dal mondo del computer era stato pensato e realizzato al di fuori del mondo lavorativo. E proprio i tablet saranno i protagonisti dei prossimi anni. Aspettiamo i concorrenti con Android e le potenzialità di Google (geolocalizzazione) applicate ai socialnetwork.

2. Ipad diverso da Iphone e Ipod. Sebbene usi lo stesso sistema operativo Ipad vive una vita a sé. Le dimensioni lo rendo scomodo fuori casa, ma dentro le mura domestiche ha un destino da re. Io ho ridotto dell’80 per cento l’uso del pc a casa (forte anche la novità). Guardate le due schermata di iTunes: la prima è la schermata di un Ipad, la secondo del mio Ipod. Noterete come lo spazio occupato da musica e video (Ipod), ceda progressivamente alle applicazioni (Ipad): a fare grande l’Ipad è utilizzo di determinate applicazioni (con forte utilizzo di grafica e video, oltre al collegamento online) senza l’obbligo di mettersi davanti al computer. Determinate applicazioni non sono semplicemente fruibili con l’iPhone o l’iPod a causa delle dimensioni dello schermo.

3. I vantaggi. Hanno già scritto tutto e tutti. Lo accendi con un click e non ha bisogno di aggiornamenti, driver e antivirus (provate un computer…), ha uno schermo touchscreen che funziona ed è utilizzabile al meglio (provate Kindle di Amazon, il miglior lettore di ebook al mondo…), l’Hd è vera (le immagini e video sono fantastici), è facile da usare (mio figlio di quattro anni usa solo l’ìPad e lo insegna a mamma), WiFi funziona (nonostante qc allarme appena uscito negli States)

4. Svantaggi. La memoria è poca, sopratttutto se acquistate un 16gb: io ho acquistato negli State il modello base ma lo sconsiglio. La soluzione ideale (visto il rapporto qualità/prezzo) è il 32gb. In Italia i gestori telefonici e 3G hanno rifatto l’ennesima truffa ai danni degli utenti: abbiamo le peggiori tariffe 3G dei Paesi avanzati. Manca la telecamera: arriverà ma questo fa arrabbiare. Geolocalizzazione: non è poi così efficiente ed efficace ed è probabile che Apple si giochi proprio su questo punto la guerra con i prossimi tablet targati Android e Google. Che io vedo come i futuri vincitori. A meno che…

Lascia un commento

Archiviato in Apple, Attualità, Carta Straccia Blog, Google, iTunes, Social Network, Tecnologia, telefonia, Video, Web

Search Wikia, la forza della trasparenza

Il logo di Search Wikia Riprendo a scrivere su Carta Straccia e riparto da Search Wikia, il nuovo motore di ricerca per la Rete che ha esordito il 7 gennaio scorso. E’ un’idea di Jimmy “Jimbo” Wales, fondatore di Wikipedia, a cui è slegato, e forse rappresenta la più concreta ed ambiziosa risposta allo strapotere di Google.

Search Wikia colpisce uno dei punti deboli del blob-monster di Mountain view, ovvero la privacy e dell’uso non sempre trasparente che Google fa dei dati lasciati dai suoi visitatori. Il mondo wikipediano e non solo è convinto che gli algoritmi di selezione – ovvero i meccanismi automatici o, meglio, i criteri con cui vengono individuati i contenuti riferiti alla parola chiave data dall’utente -, per quanto efficaci, non siano adeguati e, peggio, studiati per “ingannare” o pilotare gli utenti.

“Search Wikia” – lo annuncia lo stesso Wales – sarà aperta ai contributi degli utenti, i quali potranno collaborare e definire la pertinenza di un risultato rispetto a un altro. Tanto da influire anche sul cosiddetto “Page Rank” che ha fatto di Google il numero uno – ovvero il tasso di popolarità di una pagina web raggiunta in base alla quantità e alla qualità di link che conducono a quella pagina – e che in Search Wikia verrà per l’appunto “perfezionato” dall’esperienza degli utenti.

Search Wikia si doterà di tecnologie avanzate, tutte rigorosamente open source. E’ il caso del progetto Grub, sviluppato dal motore di ricerca Looksmart e qualche mese fa acquisito dalla stessa Wikia Inc. O come i progetti “Nutch” e “Lucene”, sviluppati dalla nota fondazione Apache, autrice dell’omonimo software, il più diffuso web server al mondo.

“Noi abbiamo bisogno di creare un nuovo motore di ricerca, che si applica sull’intelligenza umana per fare quello che gli algoritmi sono incapaci di fare”, rilancia Walles.

Il nuovo motore poggia in definitiva sulla filosofia che ha fatto di Wikipedia la prima risorsa web mondiale, e che si riassume in quattro punti: trasparenza (saranno pubblici gli algoritmi utilizzati), partecipazione (gli utenti potranno contribuire al perfezionamento del motore di ricerca), qualità (sarà migliorata l’accuratezza dei risultati offerti), e la privacy (nessun dato identificativo dei navigatori verrà archiviato o trasmesso).

Il successo di Search Wikia dipenderà molto dalla comunità web e da quanto la stessa – sempre pronta a criticare Google – sarà disponibile a costruire pezzo per pezzo il nuovo motore di ricerca. Con wikipedia tu costruisci qualcosa che ti coinvolge e che ti motiva, con Search Wikia è tutto diverso perché l’utente passa dalla sfera dell’interesse personale (informa la comunità su un aspetto o una voce che mi sta a cuore) ad un’opzione di ricerca che attivi in condizioni utilitaristiche: cerco qualcosa e lo voglio in fretta.

Gli scettici non mancano ma Google non ha perso tempo ed ha risposto con “Knol” (da “knowledge”, ovvero conoscenza in inglese), un servizio che permetterà a chiunque di scrivere un articolo su un determinato argomento e di pubblicarlo online. Proprio come già sta facendo da ben sette anni Wikipedia. ∞

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Google, Mondo, Tecnologia, Web

Un blog in pochi click

Ho pescato questo video nella rete che ti insegna come fare un blog in pochi minuti. Cosa aspetti? ∞ 

1 Commento

Archiviato in blog, Google, Media, Video, Web, YouTube

Web Trend Map 2007

Lo schema è quello delle metropolitane giapponese, Tokyo in particolare. Web Trend Map 2007 rende molto bene l’idea dei flussi che hanno caratterizzato il Web nel 2007. Ogni linea di percorrenza ha un colore, seguite quella e troverete i siti di maggiore importanza. Ad esempio, lungo la linea della Tecnologia troverete siti di tecnologia, se si segue la linea Notizie troverete siti di notizie.Web Trend Map 2007

Lascia un commento

Archiviato in Google, Media, Web, YouTube

Google, arriva l’hard disk virtuale

La sede di Google a Mountain View Di questo passo rischieremo tutti l’assuefazione da Google. Non passa settimana che Mountain View non sforni una novità, un’idea o un servizio. Bravi, davvero bravi. Tanto per non smentirsi la new entry è il disco rigido virtuale: il cliente scarica in rete tutti i documenti che può recuperare in qualsiasi momento e da qualsiasi posto. L’idea non è nuova ma se la offre Google può diventare “il” servizio. L’unica incertezza rimane il nome: in rete ne girano due, Platypus e GDrive (Google Drive). In linea con l’idea di Google, il servizio sarà gratuito fino a una carta capacità di archiviazione, per poi passare a pagamento nel caso il cliente richieda maggiore spazio per i suoi dati. ∞

1 Commento

Archiviato in America, Google, Tecnologia, Web

Il monopolio “light” di Google

Google Search    L’impressione, forse qualcosa di più, è che Google stia ormai muovendosi sul mercato da chi sa molto bene di aver raggiunto una posizione di monopolio ma non per questo intende accelerare i tempi per imporre il suo dominio o creare forme di business “unfriendly”.

E’ di questi giorni la notizia il lancio in 40 paesi, Italia compresa, dei servizi di search in affitto, servizi cioè ideati da Google e offerti alle aziende a consumo e interessate a ottimizzare le performance del proprio sito e la sua redditività. In teoria, tutte le aziende. I servizi search in affitto – contenuti nella suite Custom Search Business Edition – non richiedono per i clienti l’acquisto di nuovi hardware ma solo il software in licenza.

Il pacchetto Google include la Search Appliance e i cosiddetti Google Mini Investment, ovvero forme di contratto che prevedono i costi in base al lavoro svolto. Nel caso della Custom Search Engine “free edition”, il costo va da 100 fino a oltre 2.000 euro di canone annuo in funzione del numero di pagine da indicizzare, da 5.000 a 300.000). E per i clienti più esigenti (e facoltosi) Google ha pensato alla “business edition” della suite. Una volta installata, la Suite di Google attiverà in pochi minuti le funzioni del motore di ricerca Google e darà performance migliore al sito Web dell’azienda, gestendo al meglio il traffico dei visitatori, ovvero dei potenziali clienti.

I risultati premiano la creatività di Google. Secondo la società ComScore, la quota di mercato del motore di ricerca californiano sul mercato americano ha toccato in ottobre la punta massima del 58,5% (rispetto al 57% di settembre). Dietro la concorrenza arranca: Yahoo è ferma al 22.9%, Microsoft 9.7%, Ask.com 4.7% e il portale Aol di Time Warner chiude on il 4,2%. Tradotto in cifre, significa che negli Stati Uniti su 10,5 miliardi di ricerca, 6.1 miliardi sono transitati attraverso Google e il sito satellite YouTube. E’ monopolio? Può non esserlo ma non siamo molto distanti. ∞

Lascia un commento

Archiviato in America, Google, Mondo, Tecnologia, Video, Web, YouTube