Archivi categoria: America

Concorrenza Taiwan all’iPhone

La sfida ad Apple e all’iPhone arriva da Taiwan, dove Htc ha presentato il suo modello Diamond Touch. Design modernissimo con sistema operativo Windows mobile 6.1., l’ultimo nato è caratterizzato da dimensioni compatte, dalla navigazione Internet e dall’interfaccia tridimesionale TouchFlo 3D. Htc offre una navigazione Internet in connettività wireless con velocità paragonabile a quella broadband con Hsupa e Hsdpa che viaggia a 7.2 Mbps. ∞

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in America, Apple, Asia, Carta Straccia Blog, Economia, Media, Social Network, Tecnologia, telefonia, Web

iTunes Store, lo spettacolo inizia

Da qualche ora sul sito americano di iTune Store è possibile pellicole delle principali major cinematografiche per la distribuzione di film di primissima visione (relativamente al mercato home video, e quindi con qualche mese di ritardo rispetto all’uscita nelle sale) in contemporanea con la loro pubblicazione in dvd. Pellicole come come «Juno», «American Gangster» o «Io sono leggenda» sono disponibili al prezzo di 14 dollari e 99 centesimi: solo cinque dollari in più rispetto ai film del catalogo di iTunes, che comprende film anche recenti ma non nuovissimi e circa la metà rispetto al prezzo di vendita dei normali dvd.

L’iniziativa di Apple che mira al monopolio dei film, dopo quello della musica, è di offrire ai propri utenti un’offerta in grado di concorrere con i big del noleggio: Blockbuster o Netflix. ù

Nel negozio virtuale della società della mela morsicata, sarà possibile scegliere tra i film distribuiti da Warner, 20th Century Fox, Walt Disney, Paramount, Universal, Sony Pictures Entertainment, Lionsgate, Image Entertainment e First Look.

Buona visione. ∞

Lascia un commento

Archiviato in America, Apple, Attualità, Carta Straccia Blog, Costume, Cronaca, cultura, iTunes, Media, Musica, Tecnologia, Televisione, Video, Web

Microsoft e Yahoo, lo yo yo continuerà nonostante la rottura

Microsoft annuncia di rinunciare all’acquisto di Yahoo, il secondo motore di ricerca al mondo e macchina da soldi per la pubblicità on line. Io non ci credo. I tipi di Redmond alla fine porteranno a casa il giocattolo di Jerry Jang e David Filo, ostinati a chiedere 37 dollari per azioni contro i 33 offerti da BigM e i 28,67 dollari della borsa (almeno questo il valore di oggi…). Pochi mesi fa un’altra società dell’It, Bea aveva provato a resistere ad un colosso, Oracle, per poi capitolare. Alla fine anche questo affare si chiuderà, magari con qualche altro socio (Murdoch?), ma si chiuderà. Con buona pace di tutti. ∞

Lascia un commento

Archiviato in America, Attualità, Carta Straccia Blog, Economia, Estero, Social Network, Tecnologia, Web

Pechino 2008, la fiaccola si spegne a Parigi

Dopo le manifestazioni e gli scontri di ieri a Londra, la fiaccola olimpica è sbarcata ieri a Parigi: la protesta di attivisti per il Tibet e di Reporter senza frontiera hanno più volte bloccato il percorso, costretto gli organizzatori a stravolgere il programma e a fermare la sfilata prima del termine. Una necessità, oltre che una scelta, considerato che il sindaco Bernard Delanoe ha deciso di cancellare ogni cerimonia in onore della fiaccola cinese.

Le bandiere con i cinque cerchi olimpici trasformati in manette, simbolo della protesta attivata da Reporter senza frontiere, ha accompagnato con clamorose apparizioni il passaggio della torcia, sventolando sulla Torre Eiffel, sugli Champs Elysée, sul municipio di Parigi.

Il flop di una marcia trionfale ipotizzata (uno spot pro China lunga oltre 100 mila chilometri, tanto durerà la corsa ad ostacoli della fiaccola) è evidente nei numeri: ciascun tedoforo di turno era protetto a Parigi da un cordone ambulante lungo 200 metri e composto da 65 poliziotti in moto, 100 sui roller e altrettanti vigili del fuoco corridori.

Dopo Parigi, la fiaccola lascerà l’Europa per gli Stati Uniti: San Francisco, mercoledì, e Buenos Aires, venerdì. Nella città californiana, dove vive la terza comunità cinese del Nordamerica, le proteste sono già iniziate: oggi tre attivisti hanno scalato il Golden Gate (le immagini) e hanno appeso ai cavi di sostegno una bandiera del Tibet e due striscioni con su scritto: “One World, One Dream, Free Tibet” (un mondo, un sogno, Tibet libero).

La Cina ha condannato oggi le “vili azioni” dei manifestanti filotibetani di Londra. Da Repubblica.it: Per la prima volta il tg della notte della tv cinese ha brevemente accennato agli incidenti che hanno disturbato il passaggio della fiaccola olimpica, ieri a Londra e oggi a Parigi, nell’edizione delle 22 locali (le 16 italiane) del notiziario della principale rete della tv centrale, Cctv1. In precedenza, l’emittente ha mostrato immagini del passaggio della fiamma a Parigi, con una forte presenza di poliziotti e con l’inviato della Cctv che si rallegrava per “la calorosa accoglienza degli abitanti di Parigi, dei cinesi d’oltremare e degli studenti cinesi”.

Povera democrazia, povera informazione, povera China. ∞

1 Commento

Archiviato in America, Asia, Carta Straccia Blog, Cina, Cronaca, cultura, Diritti umani, Estero, Europa, Media, Mondo, Politica, religione, Sport

Fidel lascia e Cuba guarda al suo futuro

Fidel Castro ai tempi della Sierra Fidel Castro lascia la carica di presidente di Cuba. L’annuncio è dello stesso “lider maximo” che sul sito del Granma, il quotidiano comunista cubano, lascia quello che si può considerare il suo testamento politico. Fidel Castro era al potere dal 1959.
L’uscita di scena di Fidel – dopo mezzo secolo – chiude definitivamente un’epoca e accelera la transizione dell’isola verso un nuovo modello politico ed economico. Da alcuni anni Castro non era più alla guida ne del partito ne di Cuba: il fratello Raul e la nuova dirigenza avevano sostituito un Fidel sempre più ammalato e incapace di incarnare una prospettiva reale per un’isola che da troppo tempo sta pagando gli errori e le conseguenze di una rivoluzione sfumata.
Castro ha la grande responsabilità di non aver saputo dare un’evoluzione democratica alla rivoluzione cubana degli anni ’50, quando – con l’appoggio di tutto il popolo cubano e un manipolo di guerriglieri – aveva destituito il regime totalitario di Fulgencio Batista e cacciato gli Stati Uniti che ne avevano fatto una sorta di protettorato. Lo spirito della rivoluzione cubana e dei suoi miti – da Che Guevara a Camillo Cienfuegos – è stato tradito da Fidel.
Di fronte all’embargo americano – mai contrastato con forza dalla comunità internazionale – Castro ha reagito con la chiusura democratica interna e il patto con l’Unione sovietica in politica estera. Crollato l’impero sovietico, a Castro e a Cuba è rimasta solo la prima opzione. Da anni, il lider maximo e il suo gruppo politico non gode più dell’appoggio popolare: Cuba chiede le riforme e l’apertura verso il mondo, negata ancora oggi anche dall’atteggiamento degli Stati Uniti, decisi a circoscrivere chirurgicamente in Centro e Sud America la via cubana al socialismo e alla democrazia. Per gli Stati Uniti è necessario isolare Fidel e trasformarlo in un dittatore, a costo di affamare un intero popolo. Ancora oggi milioni di cubani soffrono la mancanza di medicine, l’economia langue anche a causa della mancata fornitura di macchinari e scambi commerciali: l’isola vive una situazione irreale e drammatica di isolazionismo rispetto al resto del mondo. E tutto alla faccia del modello democratico che gli Stati Uniti – i guardiani del Terzo Millennio – vorrebbero esportare nel mondo. Chi è stato a Cuba ha toccato con mano la situazione.
Fidel, nel bene e nel male, ha segnato le sorti di Cuba, attraversando per mezzo secolo la storia del mondo alla guida di una piccola isola caraibica. La speranza è che cuba riesca a trovare una propria identità e un futuro libero dai laccioli di una rivoluzione morta da almeno 20 anni e lontano dai tentacoli degli Stati Uniti, ai quali non interessa certo – e la storia del Centro e Sud America lo dimostra – il benessere del popolo. ∞

1 Commento

Archiviato in America, Attualità, Cronaca, Estero, Mondo, Politica

Apple, le novità a metà

MacBook Air Prima della sospensione, avevo lasciato con l’annuncio di MacWorld 2008, l’appuntamento annuale in cui Steve Jobs annuncia le novità in casa Apple. L’evento è già passato e digerito ma, per onore di cronaca, lo riporto con un breve commento.
Partiamo dal commento: quest’anno Steve Jobs ha retto la scena ma non ha stupito. Ha retto la scena perché, sfilando da una busta il “notebook più sottile al mondo”, il Macbook Air, ha rilanciato la sfida Apple all’innovazione con un (presunto) record. Ma non ha sbaragliato il campo in quanto nessuno dei prodotti presentati, nemmeno il Macbook Air, si annuncia come rivoluzionario. Lo è stato lo scorso anno l’iPhone, ma non può esserlo certamente Macbook Air.
Misure estreme a parte – alto da un minimo di 0,4 centimetri a un massimo di 1,9, un chilo e trecento grammi di peso, tutto in alluminio, con lo schermo da 13.3 pollici a led, tastiera retrolluminata, webcam incorporata e il trackpad multi-touch che ha quasi le stesse funzioni di quello dell’iPhone – il Macbook ha come limiti la capacità di archivio (nemmeno 100 Gb), poche porte e un’autonomia di batteria tutta da verificare. La novità è nella scelta coraggiosa di forzare il prodotto verso il wireless: mouse, internet, eventuale tastiera, o collegamenti con altri Mac sui cui vedere, ad esempio, un dvd, che su air manca.
A Macworld 2008, Jobs ha annunciato un nuovo business, la possibilità di affittare film su iTunes: dopo la musica, apple ci prova con il video. Deludenti le migliorie per iPhone e iPod Touch, con alcune funzioni essenziali che ancora mancano, quali il copia ed incolla, il search nella ricerca di indirizzi o numeri di telefono.
E’ arrivata la nuova versione per la Apple tv con il software e hardware dovrebbero  consentire di evitare l’impiego del computer. Sono tra i dieci nel mondo che hanno acquistato questo prodotto, che mi ha deluso oltremodo: la gestione dei contenuti è rigida (se cancelli i video, foto o mp3 dal tuo pc, lo stesso succede in automatico su Apple Tv, oppure fare a meno del pc), ma soprattutto è un disastro la scelta dei contenuti che Apple propone on line per questo tentativo di web tv. E’ arrivato Office 2008 per mac, pensata e realizzata per i microprocessori Intel.
La novità vera del 2008 di Apple è Time Capsule, sistema di backup avanzato dotato di disco fisso collegato in wireless al computer, da 500 giga (299 dollari) o da 1 Terabyte (499 dollari). Grazie alla funzione di Time Machine, il programma di backup automatico Leopard (Mac Osx 10.5), tutti i contenuti si memorizzeranno su Capsule senza l’intervento dell’utente, ma soprattutto sarà possibile ricostruire la configurazione del mac ad una precisa data. Time Capsule funziona anche per base wifi. Non male.
Pretendo forse troppo da Apple? ∞

1 Commento

Archiviato in America, Apple, iTunes, Video, Web

Apple, c’è qualcosa nell’aria

Tutto pronto al Moscone Center di San Francisco

A poche ore dall’apertura di MacWorld Expo 2008, la tradizionale convention che Apple organizza ogni anno a San Francisco per presentare i suoi prodotti e quest’anno caratterizzata dallo slogan “There’s something in the air” (C’è qualcosa nell’aria, appunto), ho scovato nella rete la foto – edita da MacNN –  di uno dei cartelloni di allestimento del Moscone Center, dove ad ore è atteso il keynote di Steve Job. Secondo il cartellone, in attesa di essere coperto da teli neri, la presentazione va tutta all’IPhone e non a qualche nuovo portatile, magari supersottile o con il touch-screen.  L’appuntamento è per le 17.30 ora locale. Stiamo a vedere… ∞

2 commenti

Archiviato in America, Apple, Attualità, blog, iTunes, Mondo, Scienza, Tecnologia, telefonia, Televisione, Video, Web